Accordatura pianoforte e temperamento equabile Dati riassunti da Marco Sicco (accordatore pianoforti, Savona) ...

Non senza una buona intuizione si è detto che l'Accordatura di un pianoforte è piuttosto una "Scordatura" di precisione (metafora della "coperta corta", essendo che in ogni caso, anche in musica, qualcosa resta sempre fuori) a causa delle modifiche necessarie alla realizzazione di un sistema chiamato "Temperamento equabile", che consente di suonare sufficientemente bene in tutte le (semplificando) dodici tonalità presenti sulla tastiera, cosa che non potrebbe essere se l'accordatura fosse "naturale", ossia realizzabile (senza grandi fatiche) tramite l'orecchio "musicale". Questa è una delle ragioni per le quali non ci riteniamo contrari, ove finemente predisposto, all'ausilio elettronico, in quanto la cosiddetta maggior precisione dell'accordatura "a orecchio" (in realtà orecchio "battimentale", ossia, almeno in parte, "matematico") presuppone un giudizio approssimativo: alla luce dei dati sotto riportati [**] l'orecchio deve fare sforzi "matematici" per contare i battimenti al secondo, difficoltosi (se non in certi casi, impossibili) da contare con precisione. Possono quindi venire utili sia la suddivisione elettronica del Riparto centrale, nonché le comparazioni, nei bassi e negli acuti, in particolare delle parti più periferiche della cordiera, fatta salva in ogni caso l'importanza dei controlli ad orecchio sia degli unissoni (relativa assenza di battimenti) dei Cori di corde e delle Ottave, che dei risultati complessivi di un'accordatura eseguita con la necessaria precisione - ..."anche il più esperto degli operatori più che accordare in senso preciso e assoluto, si sforza di ottenere un'accordatura accettabile, temperando ed equilibrando ad arte tutti gli intervalli"... fa notare Giovanni Bettin - e sempre che si sia tenuto conto delle curve ascendenti nella regolazione degli acuti e discendenti nell'accordatura delle note più basse (ottave relativamente "allargate"). Ciò nonostante alcuni preferiscono servirsi solo dell'orecchio, cosa perfettamente plausibile (io stesso in periodi precedenti avevo scelto di usare esclusivamente l'orecchio ...; a questo proposito trovo consigliabile il metodo Bongioanni - vedi bibliografia - un poco diverso dalla ripartizione ordinaria - dal La3 al La4 - magari meno veloce ma più accurato, che considera un Riparto allargato dal Sol3 al Do#5); mi sembra, come suggerì Pietro Righini, relativamente meno importante il metodo adottato che non il risultato conseguito; non ci interessa qui contrapporre elettronica ed "orecchio" come fossero l'uno ad esclusione dell'altro; per una serie di altri fattori io preferisco sfruttare entrambe le possibilità a seconda delle fasi (e tipologie) dell'accordatura.
In un sistema come quello temperato, con le sue terze non naturali e le sue quinte alterate, sia pur di poco, obiettivamente l'insieme della musicalità dell'accordatura risulta comunque leggermente sgradevole ad un orecchio raffinato. Basta confrontare una scala temperata e l'asprezza dei suoi accordi con una scala realmente "naturale" e le sue terze "giuste" per rendersene conto. Rispetto alla scala naturale, nel sistema temperato gli accordi ci risultano meno armoniosi in maniera impressionante. Ritengo comunque che il temperamento equabile sia utile per lo scopo che ci si propone (il passaggio morbido di tonalità) e vorrei anche aggiungere che non è mia intenzione sostituire l'accordatura temperata (nel caso almeno del pianoforte, che è essenzialmente una macchina moderna, concepita nel pieno dell'era industriale, erede sì di clavicembali, organi, spinette, e del capostipite fortepiano, ma le considerazioni a proposito di accordature non possono essere sempre tratte in modo analogo), miro solo ad essere obiettivo nel giudizio dei suoi pregi, difetti e problematiche, specialmente per quel che riguarda l'effetto sonoro.

L'accordatura viene normalmente, e direi arbitrariamente (a quanto ne so la decisione venne presa da burocrati e senza consultarsi troppo con i musicisti del tempo, attorno al 1940), eseguita a 440hz, mentre qualcuno (si annoverano, tra gli altri, Giuseppe Verdi e i Pink Floyd) sostiene che il 432hz sarebbe più vicino alla scala pitagorica, e all'umana natura ...; personalmente non saprei prendere posizione certa, se non che qualsiasi punto di partenza alla fine si svolge con la stessa trama. Un tempo peraltro il Diapason variava anche considerevolmente da un territorio all'altro.

Si preferisce (Concerti o Studi di qualità a parte che necessitano di un intervento per ogni occasione) una frequenza semestrale, annuale o anche biennale per l'intervento di Accordatura, a seconda dell'età e della robustezza del Pianoforte (somiere in primis), nonché del livello qualitativo della manutenzione. Le prime accordature dovrebbero mirare a fare raggiungere allo strumento (e dopo mai perderlo) quello che viene chiamato l'Assestamento, ovvero appunto la stabilità della tenuta dell'accordatura stessa. Ciò si ottiene eseguendo sufficienti Sgrossature prima di mettere in atto la Rifinitura.
Altrettanta importanza della buona accordatura - e tanto più per quel che concerne il pianoforte da Concerto - riveste l'intervento di Intonazione (o "Timbratura") del feltro dei martelli, in quanto da questa pratica consegue, entro certi limiti, la maggiore o minore asprezza timbrica (dando per scontata la qualità, non sempre effettiva, dei feltri).

La Revisione dell'apparato meccanico completa infine l'intervento del Tecnico, a partire dall'Alesatura della tastiera, che dovrebbe essere preventiva anziché successiva al presentarsi di eventuali anomalie (tasti che s'incantano o semplici attriti di troppo, avendo cura, con gli strumenti adatti, di non sfibrarne i fori, ma di ottenere la corretta scorrevolezza e fluidità del tasto sui due perni), per giungere a tutta una serie di "finissaggi" specialistici delle singole componenti (e degli equilibri fra esse) della Meccanica, a maggior ragione importanti per quel che concerne il più complesso e raffinato pianoforte a coda, ma non trascurabili nemmeno per la scorrevolezza del meccanismo nei pianoforti verticali.
La revisione dell'apparato meccanico dovrebbe essere attuata contemporaneamente alla prima accordatura e rinnovata se necessario con una frequenza adeguata, a seconda del maggiore o minore utilizzo dello strumento con relativo consumo e usura dei piccoli accessori (feltri, perni, ecc.).
Molti si chiedono quale sia il giusto prezzo dell'accordatura. Ci si riferisce all'accordatura di manutenzione (ciclica e alla giusta frequenza come già sottolineato); io non so più dove l'ho letto, ma qualcuno raccontava che tradizionalmente il prezzo (in loco) sale e scende con quello della tazzina di caffé (...aggiungendo gli zeri!).



** Confronto Dati Comparto Ottava centrale (in grassetto le corrispondenze di valore)
Ottava La4(440)-La3(220) = 0 battimenti al secondo Quinte Quarte Terze Seste La3-Mi: - 0,74 Mi-La4: + 1,47 (1 a 2) Re-La4: - 0,99 La3-Re: + 0,99 (1 a 1) Mi-Si: + 1,11 Si-Re: + 13,32 Si-Fa#: - 0,73 Re-Fa#: + 11,64 Fa#-La4: + 19,96 La3-Fa#: + 9,98 (2 a 1) Fa#-Do#: + 1,25 La3-Do#: + 8,73 Do#-La4: + 17,46 (1 a 2) Do#-Sol#: - 0,94 Mi-Sol#: + 13,08 Si-Sol#: + 11,20 Sol#-Mib: + 1,40 Si-Mib: + 9,79 Mib-Fa#: + 16,79 Mib-Sib: + 1,05 Sib-Re: + 9,25 Sib-Do#: + 12,57 (Terza m) Sib-Fa#: + 14,68 Sib-Fa: - 0,79 Do#-Fa: + 10,99 Re-Fa: + 15,85 (Terza m) Fa-La4: + 13,86 La3-Fa: + 13,86 (1 a 1) Fa-Do: + 1,32 Do-Mi: + 10,38 Do-La4 : + 11,87 (1 a 1 con La3-Do) La3-Do: + 11,87 Do-Sol#: + 16,48 Do-Mib: + 14,12 Do-Sol: - 0,88 Sol-Re: + 1,32 Mib-Sol: + 12,34 Sib-Sol: + 10,57 Mi-Sol: + 17,79 Si-Sol: + 15,56 Progressione approssimativa dei Battimenti: * quinte: crescono da 0,1 a 10 battimenti al sec. (prima ed ultima quinta) * quarte: da 0,1 a 14 battimenti al sec. (prima ed ultima quarta) * terze Maggiori: da 1,06 a 134 battimenti al sec. (prima ed ultima terza) * terze minori: da 1,5 a 190 battimenti al sec. (prima ed ultima terza m.) * seste Maggiori: da 1,22 a 113 battimenti al sec. (prima ed ultima sesta) * seste minori: da 1,75 a 166 battimenti al sec. (prima ed ultima sesta m.) * settime Maggiori: da 2,78 a 173 battimenti al sec. (prima ed ultima settima M.) * settime minori: da 2,5 a 220 battimenti al sec. (prima ed ultima settima m.) * seconde Maggiori: da 0,62 a 73 battimenti al sec. (prima ed ultima seconda M.) * seconde minori: da 11,62 a 1689 battimenti al sec. (prima ed ultima seconda m.) * quarte Eccedenti: da 6,98 a 752 battimenti al sec. (prima ed ultima quarta ecc.)

Cenni:

...questo breve scritto [1] rappresenta un sunto in abbozzo di tutte le mie piccole esperienze, studi e convinzioni. Nulla di personale in caso di disaccordo; credo assai più nella collaborazione che nel principio di competizione, e meno ancora nell'orgoglio ferito. Graditissima ogni sorta di critica - purché costruttiva - o suggerimento, mirante a perfezionare un tale approccio. A seguito infatti di alcune prime critiche, ho poi modificato e levigato il testo originario.
I miei ringraziamenti [2], per quanto infine i pareri e le convinzioni possano proficuamente variare, vanno, di cuore, a coloro che considero i miei "Maestri": mio padre, Aristide Sicco, e a Pippo Sperati (per avermi, sia pure con il limite del mio discutibile talento, insegnato tutto e molto allenato, oltre che avviato all'utilizzo degli apparecchi elettronici, nella fattispecie donandomi un precisissimo, se ben calibrato, Yamaha PT4 che ho utilizzato per molti anni [3] e anche per le indicazioni fornitemi a proposito del numero preciso dei battimenti [4]).
Inoltre a Sergio Griffa & f. [5] ..., a Pietro Righini (per la gentile e dotta consulenza, Torino 1986), a György Sàndor per l'utile conversazione in occasione di un suo splendido Concerto al Teatro Chiabrera di Savona (29-3-1987) ...a Matthias Rieger ed Ivan Illich per le stimolanti illuminazioni durante la Fiera delle Utopie concrete ... (1997, Città di Castello), nonché a Graziano Interbartolo [6] e Paolo Venturino ... (et familia) per l'affettuoso sostegno; a Deca e all'Assoc. SACCO [7] ..., ad Alberto Bellavia per le approfondite conversazioni.
Un sentito grazie va a Gabriele Capra ... per le sue fotografie alla tastiera inserite in questa nostra pagina, a Caterina Mantoan per la foto (sotto) al Diapason a 12 note che conservo gelosamente, a Davide Bossola ... per lo scambio di esperienze e la simpatia, nonché a Massimiliano Canavese & c., alla Ditta Storti, al M° Tolino e a tutto lo staff della ditta Piatino .... Per una gradita e inattesa citazione ringrazio The Duet [8], autori di un gradevole e funambolico album intitolato "Jokes in the sky" {Radar Edizioni 2011}. E doverosamente Luciano Dal Sasso per l'assai utile consulenza telefonica nell'estate 1987, grazie alla quale ho trovato la mia collocazione "leggera" [9] come lavoratore autonomo ... - M. S.

Note
1. ^ spronato inizialmente dalla curiosità dei suonatori di piano, e di Franco Delfino {ex Volpi blu} in particolare
2. ^ ma la "responsabilità" per quanto detto è unicamente la mia
3. ^ sostituendolo, invogliato ed assistito nella scelta del nuovo software dall'amico Giorgio Marchisio, solo nel gennaio 2011 con l'ottimo TuneLab ..., suggeritomi dallo staff Griffa.
4. ^ traendole dal tomo Piano tuning and allied arts di William Braid White (altre osservazioni in proposito mi sono giunte dall'intervento critico di Giovanni Bettin)
5. ^ che senza esagerazione evoca un "Einstein" dei pianoforti
6. ^ per le collaborazioni ed il contributo ad approfondire la pratica di accordature più antiche ("Bach", Kirnberger)
7. ^ per aver recuperato alla cittadinanza savonese lo splendido e prezioso teatro omonimo {Teatro Sacco ...}
8. ^ duetto composto da Alberto Bellavia e Roberto Rebuffello {alias "Fiello"}
9. ^ al momento in grave pericolo, ringraziando manovre ed iniquità fiscali


Piccola Biblio
* Salvatore Pintacuda
Acustica musicale, 1950 - Ciglia, Ge
* L. Enrico Bongioanni
Norme per l'accordatura dei pianoforti, 1960 - Zanibon
* Speronello
L'accordatura del pianoforte, Zanibon
* Cesare A. Tallone ...
Memorie di un accordatore, 1978 - Tallone, Mi
* Pietro Righini
Guida sonora attraverso i sistemi musicali, 1974 - Zanibon
Gli intervalli musicali e la musica, 1975 - Zanibon
Accordature e accordatori, 1979 - Berben
* György Sàndor 
Come si suona il pianoforte, 1981 - Rizzoli ... 
* Carlo Sperati ...
Giornate nere o solo da schiarire?, 2003 - Aiarp
* Giovanni Bettin ...
La disarmonicità, 2002
Il pianoforte da concerto, 2005 - Rugginenti Ed.
* Interbartolo, Venturino, Bof ...
Bach 1722, 2007 - Ed. Bolla, Finale L.
* Luciano Dal Sasso 
Guida tecnica al lavoro artigianale, Lef, Firenze, 1987

* In rete:
Sistemi di accordatura ...
Musica e proporzione - Ivan Illich ...
Accordatura Aurea ...
Sistema Formale Circolare Armonico - c.ha.s. - Alfredo Capurso ...
Temperamento di Bach secondo Graziano Interbartolo ...
Genio di Bach e Clavicembalo ben Temperato (Francesco Lamendola tramite Roman Vlad) ...
Udire ed ascoltare - Matthias Rieger ed Ivan Illich ... ...
metodi di studio ...
TuneLab ...
Verytuner ...
Associazione Accordatori - AIARP ...
Pianoforte in France ...

© traccefresche 1999 Creative Commons License
Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.